(+39) 0131 240180
info@flarkomed.it
01
 

TRIGGER MAX

TRATTAMENTO DI DISTENSIONE MUSCOLARE A STIMOLAZIONE NATURALE

  Come funziona

  Indicazioni pre trattamento

  Risultati e benefici

  Sessioni e trattamento

 

Scarica Brochure

Richiedi informazioni

Torna all'elenco

 



CONTATTACI!

Nome:*
E-mail:*
Messaggio:*
Captcha:

TRIGGER MAX è un dispositivo usato in ambito estetico modellante, che agisce negli strati del derma, arrivando a svolgere la sua azione ossigenante sino alle pareti interne del muscolo, quelle a contatto con la parte scheletrica del corpo. In questo sta la differenza con le metodologie di massaggio che utilizzano il vuoto per creare la plica della pelle, oppure che utilizzano rulli rotanti a sfere. Per questo il manipolo di TRIGGER MAX è provvisto di un motore speciale, controllato elettronicamente, in grado di NON ARRESTARE la rotazione dei poligoni siliconici anche aumentando molto la pressione sulla pelle. Questo fa si che la sollecitazione del massaggio si possa trasmettere attraverso tutto il muscolo. Un vero e proprio stretching sottocutaneo che favorisce l’ossigenazione ideale anche ai tessuti più profondi.

È un trattamento indolore e completamente non invasivo, che depura e tonifica i tessuti, assottigliandone le parti adipose laddove sono presenti. Gli ultimi test clinici hanno rivelato questo dispositivo utilissimo anche per i trattamenti antalgici muscolari post traumatici.

 

 

♦♦♦♦♦

 

Come Funziona

02b
 
 

Il Trigger Point è un nodo in una fibra muscolare, costituito da un insieme di sarcomeri in stato di massima e continua contrazione. Spesso, se stimolati manualmente, risultano dolorosi. Il dolore viene provocato dall'accumulo di sostanze come acido lattico, ione di calcio, tossine, prodotte dal metabolismo anaerobico in particolare durante le attività a sforzo. La stimolazione attiva del dispositivo TRIGGER MAX agisce sulla fascia fibrosa del tessuto connettivo che riveste completamente il muscolo di tutto il corpo, nel rispetto della fisiologia, eliminando la causa dei problemi legati a cellulite e cattiva circolazione, così che il sangue possa affluire più facilmente e più velocemente alla zona interessata, provocando una maggiore ossigenazione istantanea dei tessuti. Parallelamente, diminuisce invece l’apporto di anidride carbonica, e quindi viene favorita l’eliminazione delle tossine.

 

 

♦♦♦♦♦

 

Indicazioni Pre Trattamento

 

L’azione curativa e terapeutica di questo massaggio è particolarmente indicata in tutti i casi in cui si rende necessario riattivare la circolazione venosa e arteriosa a favore del miglioramento dell’ossigenazione a livello cellulare anche negli strati più profondi dei tessuti. Si consiglia di pulire la pelle per rimuovere profumi e cosmetici.

Questo trattamento va evitato in caso di:

  • traumi recenti (occorre aspettare la riparazione tessuto) 
  • processi infiammatori acuti della pelle (di origine traumatica, infettiva o allergica)
  • gravi flebopatie (flebiti o tromboflebiti)
  • insufficienza cardiaca con edema agli arti inferiori (edema di natura secondaria)
  • patologie del sistema nervoso centrale (SNC) a evoluzione spastica 
  • gravi necrosi (per il pericolo di eccesso di eliminazione di sostanze proteiche)
  • processi febbrili (per il pericolo di aumento della temperatura locale) 
  • neoplasie (per il supposto ma non dimostrato pericolo di diffusione linfatica delle metastasi) 
  • dermatiti o dermatosi (per il pericolo di irritazione, relativamente alle dermatiti e le dermatosi pruriginose, e di contagio, relativamente alle dermatiti infettive)

Il manipolo potrebbe inoltre risultare fastidioso o dannoso su tutte le salienze ossee (malleoli, cresta e piatto tibiale, rotula, grande trocantere del femore, cresta iliaca, apofisi spinosa delle vertebre, osso sacro, sterno, clavicola, scapola, gomito-olecrano) e i punti di affioramento di organi vascolari, nervosi e linfatici (cavo popliteo, cavo inguinale, cavo ascellare, cavo o fossa retro-claveolare), organi sessuali.
Una particolare cautela deve essere applicata nel trattamento della faccia antero-laterale del collo, della zona retro-auricolare, del solco tibiale e della zona anteriore del gomito.

 

Indicazioni Post Trattamento


Dopo la seduta, l'area trattata può essere accuratamente massaggiata con una crema idratante e/o disarrossante. Il trattamento è indolore e non lascia tracce evidenti, a parte un eventuale lieve rossore, dovuto allo sfregamento, che si risolve entro breve tempo
Per potenziare l’effetto di depurazione dell’organismo, occorre bere molto già da subito dopo la fine del trattamento. L’acqua aiuterà l’organismo ad eliminare tutte le scorie che il trattamento ha rimosso dai tessuti, e faciliterà quindi la funzione diuretica dei reni.

 

 

♦♦♦♦♦

 

Risultati e Benefici

 

L’azione rotante e pressoria del manipolo a sagome siliconiche risolve efficacemente fin dalla prima seduta problemi circolatori e contratture muscolari.

04
 
 

 

 

 

♦♦♦♦♦

 

Sessioni e trattamento

 

Il trattamento con TRIGGER MAX può essere eseguito da solo oppure in sinergia con altre metodologie, in base al piano di lavoro creato per contrastare l’inestetismo da eliminare.
Per eliminare i fenomeni di indolenzimento muscolare occorrono dalle 6 alle 8 sedute, con trattamenti settimanali distanziati non meno di tre giorni fino a metà ciclo e poi a cadenza di uno a settimana fino alla fine.


Nei trattamenti antalgici ci si riferisce allo scomparire del dolore nella zona interessata.
In tutti i casi si raccomanda un mantenimento di una seduta al mese per almeno sei mesi successivi alla fine del ciclo svolto.


I risultati sono evidenti già dalla prima seduta. Eseguendo una compressione alto-basso del muscolo tramite pressione delle mani sul manipolo e contro-pressione dell'osso sottostante, si ha come effetto l’aumento del tono muscolare, con effetti antispasmodici, rilassanti e di miglioramento della circolazione che genera, a sua volta, un importante effetto antalgico nei casi di contratture reumatiche o da affaticamento.
Muovendo il manipolo in direzione tangenziale alla cute, modalità superficiale, si ottiene invece un effetto iperemizzante adatto a risolvere i casi di strati aderenziali superficiali con conseguente normalizzazione della densità della sostanza fondamentale dei tessuti connettivi lassi sottocutanei.

 

 

 

Vuoi avere informazioni?

Scrivici. Sarai contattato entro 48 ore dal nostro referente di zona. Ovviamente senza alcun impegno da parte Tua!