RADIOFREQUENZA Manipoli tutto quello da sapere 01

In questo articolo parliamo di un argomento su cui ci sono sempre molte domande a riguardo.

Cosa sono e come si differenziano tutti i manipoli della radiofrequenza che oggi si trovano sul mercato, che cosa è il manipolo capacitivo, questo sconosciuto, e il suo parente più prossimo, il resistivo.

Beh, per capire meglio i manipoli capacitivi, se aveste dimestichezza con l’elettricità vi potremmo fare l’esempio del condensatore ma, se per caso non lo siete, vi diciamo che sono capacitivi tutti quei manipoli che per funzionare richiedono l’impiego di una piastra di riscontro e quindi usano il corpo della persona che esegue il trattamento come parte integrante del circuito. In questo caso, il flusso magnetico emesso dal manipolo appoggiato alla pelle attraversa tutto il corpo per direzionarsi verso la piastra ricevente, posizionata in genere in posizione opposta alla zona da trattare.

Sono resistivi quei manipoli che invece hanno sulla superficie dello stesso piattello sia l’emettitore che il ricevitore, cioè il piattello di emissione e la piastrina di ritorno, quest’ultima in genere a forma di semicerchio o anello.

Monopolare o capacitivo

Sono quei manipoli che hanno un piattello, l'emettitore, che può essere di diverse forme in riferimento al distretto cutaneo da trattare. Vanno usati in coppia con la piastra di riscontro o elettrodo di ritorno che deve essere posizionata contrapposta all'area che dovete trattare.

Per i trattamenti viso, in genere, la dovete posizionare al centro del dorso schiena, proprio sotto il collo, in modo che non dia fastidio alla posizione supina della persona che, in questo caso, diventa parte integrante nel circuito.

L'azione è profonda ed efficace anche con manipoli di piccolo diametro e permette una biorivitalizzazione rapida ed efficace del distretto trattato, da completare successivamente con manipoli più adatti a trattare in locale le piccole rughe rimaste da attenuare.

Bipolare o resistivo

Come vi abbiamo descritto prima, i manipoli per la radiofrequenza bipolare prevedono due elettrodi, situati sullo stesso manipolo, a forma circolare oppure di semicerchio. Hanno un’azione più superficiale ma più concentrata alla porzione di pelle a contatto con il manipolo. La distanza tra il centro dell’emettitore e il bordo del ricevitore ne determina la profondità di azione. Per questo motivo piattelli bipolari con ampie dimensioni vengono utilizzati efficacemente anche per rassodare glutei e addome.

Multipolare: tri, quadri ed esapolare

La tipologia di radiofrequenza basata su tre e più elettrodi consente di trattare una zona più o meno vasta tipo glutei, cosce, addome, schiena e sotto glutei con un tempo minore rispetto al manipolo bipolare di piccole dimensioni.

Un esapolare è da intendersi come tre coppie di elettrodi bipolari, mentre un quadripolare di coppie ne avrà solo due. Il tripolare ha un elettrodo di ritorno in comune ai due di mandata ionica.

L’effetto non è differente da quello generato da un buon manipolo bipolare di grandi dimensioni.

RADIOFREQUENZA Manipoli tutto quello da sapere 02

Indicazioni d’uso dei manipoli

Al fine di ottenere i migliori risultati mantenendo la persona in sicurezza, senza farle sentire sbalzi di calore improvvisi che potrebbero risultare fastidiosi è opportuno iniziare il trattamento con valori bassi o al massimo mediani rispetto alla graduazione di potenza a disposizione e fornita dallo strumento.

Quindi, ponete molta attenzione a questo aspetto e aumentate gradatamente la temperatura durante i primi minuti, fino ad arrivare a quella ottimale.

Nell’esecuzione del trattamento è molto importante non disperdere l’energia trasmessa mantenendo il manipolo applicatore strettamente a contatto con la cute con tutta la sua superficie di erogazione, avendo cura di evitare di sollevare più o meno parzialmente il manipolo stesso al fine di non disperdere l’energia e/o di non concentrare su aree limitate l’emissione di RF che potrebbe risultare fastidiosa per il paziente. A tal fine è fondamentale l’uso di adeguate quantità di gel conduttore.

Per quanto riguarda la velocità di applicazione, il manipolo applicatore va mosso sulla cute in modo lento e costante. Comunque, se durante l’applicazione la percezione del calore da parte del cliente risulta fastidiosa o poco tollerabile, la velocità di movimento del manipolo applicatore va aumentata; se il fastidio permane, occorre ridurre gradualmente la potenza di erogazione fino ad un valore accettabile dal paziente stesso.

Nella realizzazione dei trattamenti a Radiofrequenza, al fine di ottenere i migliori risultati operando in condizioni di massima sicurezza, dovete sempre attenervi ad alcune indicazioni di utilizzo e precauzioni.

  • Prima dell’utilizzo, assicuratevi che gli elettrodi siano perfettamente integri e puliti in ogni loro parte.
  • Usate sempre una quantità di gel moderata su tutta l’area da trattare; All’occorrenza il gel può anche essere mischiato con sieri e/o creme vitaminizzanti.
  • Regolate l’energia per la quantità necessaria al trattamento, non eccedere inutilmente.
  • Regolate l’energia erogata in base alla capacità di “tolleranza” del paziente.
  • Su pelli molto sensibili o delicate usate potenze contenute.
  • Non sollevate e ne staccate, anche parzialmente, il manipolo dalla superficie cutanea durante l’erogazione per non disperdere il calore generato.

Controindicazioni

In generale sono da evitare le applicazioni su organi nobili (es. testa, cuore, ovaie, basso ventre, ecc.). Comunque, per motivi di maggiore sicurezza, in caso di dubbio è opportuno non applicare il trattamento ed assumere le specifiche informazioni. Dato che non esiste ancora una sufficiente letteratura in materia, la buona pratica medica ed estetica suggerisce di non applicare le RF nelle seguenti situazioni:

  • patologie oncologiche (in particolare in casi di metastasi)
  • ridotta percezione termica (es. a seguito di terapie analgesiche)
  • presenza di mezzi di osteosintesi e/o sintesi endotissutale (impianti metallici o di altro materiale sensibile alle RF)
  • gravi infezioni circolatorie o ipertensione
  • gravi infezioni acute
  • gravi neuropatie
  • patologie vascolari (flebiti, vene varicose)
  • patologie dermatologiche
  • malattie infettive contagiose (es. TBC)
  • affezioni dermatologiche acute
  • gravidanza e ciclo mestruale
  • stati emorragici e trombosi
  • cartilagini in accrescimento (bambini e adolescenti)
  • portatori di pacemaker o elettrodi impiantati
  • stati febbrili in genere
  • gravi livelli diabetici

Nella casistica dei trattamenti con Radiofrequenza, durante le sperimentazioni ed il normale utilizzo, non si sono evidenziati specifici o particolari effetti collaterali o complicanze. In genere, subito dopo l’applicazione, sulla zona trattata compare un leggero arrossamento che permane al massimo per qualche ora.

Speriamo che questo articolo vi sia stato utile, ovviamente approfondiremo l’argomento nei prossimi articoli e parleremo di altri argomenti relativi a questo.

Fateci sapere nella sezione commenti se questo articolo ti è stato utile e quali sono gli argomenti che vorresti trattassimo. 

Per rimanere aggiornata/o sulle nostre novità ti invitiamo a seguirci sui nostri canali social! 

Facebook & Instagram 

  

Dicono di noi

  • Noi titolari del Centro Estetico Baciati dal Sole collaboriamo con Flarkomed da anni, possiamo dire di non aver mai riscontrato problematiche con la ditta grazie alla loro serietà e professionalità. Noi utilizziamo Cryolaser, che è un macchinario che da ottimi risultati e la nostra clientela è super soddisfatta. Per questo consigliamo la collaborazione con loro.

    Alice Bosio & Elisabetta Totino
    Centro Estetico Baciati dal Sole

  • Sono circa tre anni che offro questo servizio alle mie clienti e credo che non ne potrei più fare a meno. Facile utilizzo, basta eseguire la indicazioni rilasciate da uno dei consulenti Flarkomed, sempre pronti e disponibili e i risultati arrivano immediatamente. Clienti più che soddisfatte perché vedono i risultati già dalla prima applicazione... quindi MAI PIU' SENZA.

    Natalia Mussati
    Centro Estetico Naturalmente Estetica

  • Professionali come pochi, abbiamo avuto molte volte la possibilità di poter collaborare con Flarkomed, ci hanno sempre proposto macchinari eccellenti e ci hanno sempre seguito in ogni nostra esigenza oltre all'ottima assistenza. Consigliatissimo.

    Rosanna Dell'Olio
    PMU Precision makeup Academy

  • Le mie impressioni sono ottime; risultati ottimali e soprattutto trattamento indolore e clienti contenti. L'azienda Flarkomed va incontro alle esigenze delle estetiste anche nei momenti difficili.

    Marsida Karepi
    Bellezza & Benessere

  • Dopo 6 anni di utilizzo di Cryolaser, avendo trattato tanta gente, affinato i protocolli di lavoro e maturato una certa esperienza operativa, posso dire di non aver alcun timore nel trattare le mie clienti grazie alle qualità del macchinario e alla continua formazione offerta dalla Flarkomed. Sento di poter consigliare a chiunque il cryolaser diodo Flarkomed sia per la qualità del macchinario sia per la disponibilità e l'assistenza post-vendita continua. Grazie!

    Shirley del Vecchio
    Centro Estetico Althea

Vuoi avere informazioni?

Scrivici. Sarai contattato entro 48 ore dal nostro referente di zona. Ovviamente senza alcun impegno da parte Tua!